All for Joomla All for Webmasters

Bulgaria: il più antico manoscritto

La professoressa Lilia Ilieva ha scoperto, a Modena in Italia, un intero manoscritto riguardante la storia della Bulgaria, datato un secolo prima della "Storia slavo-bulgara" di Paisiy Hilendarski. La notizia è stata condivisa per la prima volta dal prof. Bozhidar Dimitrov, poi della televisione nazionale bulgara e, infine, è stata annunciata dall'università Sud-Occidentale "Neofit Rilski".

Bozhidar Dimitrov, giovane scienziato in Vaticano, ha ritrovato diversi reperti, come "History of Bulgaria" di Peter Bogdan Bakshev. Secondo lui, Peter portò l’antico manoscritto nella Città Santa per farlo  stampare, ma qualcosa andò storto e venne smarrito. Oggi, fortunatamente, l’intero documento è`stato trovato e può essere studiato dagli storici.

La professoressa Lilia Ilieva è orgogliosa di descrivere la scoperta attraverso la rivista di riferimento "Balkan Forum". Ha ritrovato il documento lavorando a un progetto finanziato dal ‘Fondo per la ricerca scientifica’, insieme a un gruppo di docenti del dipartimento di lingua bulgara presso la Facoltà di Filosofia della Southwest University. Il manufatto, scritto in latino, si crede essere datato intorno al 1667-1668, ma fu stampato dopo la morte di Peter, nel 1674. Contiene circa 200 pagine, suddivise tra 70 capitoli, prefazioni e documenti aggiunti. Il titolo di quest'opera è "L’antichità della patria e delle cose bulgare".

La copia digitale del manoscritto è stata resa disponibile grazie all'aiuto del progetto finanziato dal fondo dello Stato per la ricerca.

Cookies