All for Joomla All for Webmasters

Film bulgaro da Oscar

Dopo un’anteprima mondiale al concorso internazionale del Festival del film di Locarno lo scorso agosto e decine di premi ricevuti ai festival di tutto il mondo, il secondo film di Kristina Grozeva e Petar Valchanov, Glory, ha la possibilità di far aggiudicare alla Bulgaria la sua prima nomination nella categoria Miglior film in lingua straniera in occasione degli Academy Awards.

Una commissione di sette membri presieduta da Alexander Grozev (direttore del Centro nazionale del cinema bulgaro tra il 2003 e il 2009) ha selezionato il film.

Glory, definito da Cineuropauna perla sociopolitica”, mostra l’abisso esistente tra i potenti e i cittadini in Bulgaria ed è stato scritto dai due registi insieme allo sceneggiatore Decho Taralezhkov. Tsanko Petrov (Stefan Denolyubov), un uomo povero di mezza età che lavora da anni come ferroviere per la società ferroviaria nazionale.

Quando trova un mucchio di banconote sui binari e decide di consegnare l’intera somma alla polizia, diventa uno strumento per Julia Staikova (Margita Gosheva), responsabile ufficio stampa del Ministero dei Trasporti, in cerca di buoni articoli. Tuttavia, non ci sarà niente di grandioso nella loro interazione, che fornisce un ritratto della società bulgara profondamente dilaniata.

Il film è stato prodotto da Abraxas Film (Bulgaria) con la coproduzione di Graal Films(Grecia), Screening Emotions (Bulgaria) e Aporia Filmworks (Bulgaria). Per quanto riguarda le vendite internazionali, Glory è in mano a Wide Management.

 

Cookies