All for Joomla All for Webmasters

Una via un perchè Parchevich

Petar Mihaylov Parchevich è nato nel 1612  a Chiprovtsi. A undici anni comincia il suo percorso di studio nella città di Loreto, in Italia. Dopo sette anni di formazione, si trasferisce a Roma dove nel 1637 ha completato la sua formazione universitaria con straordinario successo come dottore di diritto civile (romano) e cattolico, un caso raro nella pratica universitaria. Nel maggio 1643 l'arcivescovo Peter Bogdan fece una richiesta di ritorno a Parchevich in Bulgaria dove i sacerdoti avevano bisogno di lui. Al suo ritorno in Bulgaria, fu ordinato sacerdote dall'arcivescovo Peter Bogdan. Parla greco, latino, italiano e armeno.

Nel 1644, l'Arcivescovo di Marcianopolis, Marko Bandulovich, visita Chiprovtsi,li conosce Parchevich e gli offre il posto di segretario e assistente al Vescovo Marcianopolski a Bacau, in Romania. Questo permette di visitare le terre abitative dei cristiani dalla Moldavia attuale, attraverso Dobrudja, fino alla Bulgaria nordorientale. Nello stesso anno, Sultan Ibrahim ha iniziato una guerra con la Repubblica di Venezia, e c'è stato un serio movimento tra i bulgari contro il sultano. Parchevich partecipa alla cospirazione bulgara per liberare la Bulgaria. Nel 1646 Peter Parchevich fu accettato dal Doge di Venezia. Questa riunione segna una serie di missioni diplomatiche presso le corti europee in cerca di aiuto per la liberazione dei popoli cristiani. Non riceve l'assistenza militare desiderata dalla Repubblica di Venezia.

Nel 1647 Chiprovci, guidato da Petar Bogdan, ha avviato i negoziati con il leader milanese Mateus I Besarab per sostenere un'eventuale rivolta, e nel caso del successo gli promette di sceglierlo come "il sovrano dell'Oriente".  Parchevich e un altro bulgaro (apparentemente Francesco Soimirović) partono per la Polonia e incontrano il re Vladislav IV, che li promette di aiutarli e poi torna a Chiprovtzi con gli inviati di Matthew Basarab per conoscere i preparativi per la rivolta. I piani sono rinviati a causa della morte di Vladislav IV.

Alla fine del 1649 l'arcivescovo Peter Bogdan si è incontrato con Matteo Basarabba a Targovishte, la capitale della Valacchia, dopo di che Peter Parchevich, a quel tempo in Moldavia, è stato assegnato una nuova missione. Visita a Varsavia, dove il nuovo re Jan II Kazimie dà un consenso generale sull'azione militare, Vienna, dove non ha il sostegno, e Venezia, dove si incontra due volte con Francesco Molin, che non promette altro aiuto se non all'inizio di luglio la guerra che Venezia ha già contro gli Ottomani a Creta. Poi Parchevich si incontrò a Roma con Papa Innocenzo X e ad Ancona con Peter Bogdan.

Peter Parchevich è stato nominato dal papa Alessandro VII arcivescovo di Marcianopolis nel 1656. 

Mori a Roma nello stato pontificio nel 1674.

Cookies