All for Joomla All for Webmasters

Una via un perchè Angel Kanchev

Angel Kanchev è nato l'11 novembre 1850 nella città di Tryavna. Ha studiato nella sua città natale, poi a Rousse. Ha continuato la sua istruzione come studente di borsa presso la Scuola Superiore di Bolhrad, per poi frequentare la Scuola Militare di Belgrado.

Ha stabilito un contatto diretto con l'emigrazione rivoluzionaria bulgara e ha aderito alla seconda Legione bulgara (1868). Dopo il sua scioglimento, si trasferì in Romania e pubblico su ''alba del Danubio'' un incitamento al popolo bulgaro, invitandolo a combattere contro i conquistatori ottomani.

È coinvolto attivamente nel movimento della rivoluzione nazionale e nello stesso anno è stato nominato dal Comitato Centrale Rivoluzionario Bulgaro a Bucarest come assistente di Vasil Levski nella Rivoluzione Nazionale Bulgara. Alla fine di agosto si incontrò con l'apostolo di Lovech e ricevette da lui il compito di organizzare ed agitare nella Bulgaria settentrionale. Per breve tempo è riuscito a sviluppare un'ampia gamma di attività.

Il 5 marzo 1872 tentò di trasferirsi segretamente in Romania, ma al porto di Rousse fu circondato dalla polizia ottomana. Per non essere catturato vivo, si suicido. Le sue ultime parole sono: "CHE VIVA LA BULGARIA".

C'è un monumento costruito vicino al luogo del suicidio. Oggi la casa di Angel Kanchev è trasformata in un museo.

A lui è dedicata una importante via nel centro della capitale.

Cookies