All for Joomla All for Webmasters

Monastero di Rila

Il monastero di Rila si trova a un’altitudine di 1100 m. Il complesso è il principale sito religioso della Bulgaria e da generazioni un punto d’attrazione per pellegrini e turisti. Grazie alle sue caratteristiche esemplari dell’architettura della Rinascenza, nel 1983 esso è stato dichiarato dall’UNESCO Patrimonio culturale dell’umanità.

L’attuale complesso si presenta come una fortezza dalla forma di un quadrilatero irregolare e comprende una superficie di 8800 m2. L’entrata nel monastero avviene attraverso la porta sul lato occidentale, che è protetta da due ante in quercia massiccia rafforzate in ferro e che è detta anche porta di Dupnitza. Essa è decorata da splendidi dipinti. 

La parte più antica del monastero è costituita dalla torre di Hreljo, eretta nel 1334/35 durante la reggenza del sebastocrate Hreljo Dragovol. Il signore feudale volle essere immortalato nella torre con nome e anno di costruzione. Questa classica struttura difensiva alta 23 m e con mura spesse fino a 1,80 m, sorse verso la fine del Secondo Regno bulgaro, quando il monastero godeva già di grande prestigio. All’ultimo dei cinque piani della costruzione si trova una cappella. 

Fino al 1834, accanto alla torre di Hreljo si trovava un’antica chiesa (XIV sec.) chiamata anche chiesa di Hreljo. Nel corso dei secoli questo edificio sacro fu il centro della vita intellettuale della comunità monastica di Rila. Il portale dell’antico luogo di preghiera è oggi esposto nel museo del convento.  

La raccolta, ospitata in quelle che un tempo erano le cantine del convento, riunisce straordinari tesori d’arte, fra cui la più importante opera in legno intagliato di tutta la Bulgaria: la cosiddetta Croce di Raffail. Questo lavoro, realizzato nell’arco di dodici anni (1790-1802) dal monaco Raffail, consiste in un intaglio piatto e à jour di 81 x 43 cm contenente ben 104 scene e 650 figure in miniatura, realizzate in parte con una lente d’ingrandimento. 

 

Cookies