All for Joomla All for Webmasters

L'industria bulgara di software genererà il 3% del PIL entro il 2020

L'industria di software bulgara continua a crescere costantemente nell'ultimo anno, con ricavi che andranno a toccare, secondo gli studiosi, i 2.3 miliardi di BGN. Ciò è stato dichiarato durante la decima presentazione del BASSCOM. L’inchiesta riguarda oltre 3.400 aziende che guadagnano principalmente grazie ai software. I dati di quest'anno sono per lo più positivi, anche se scaturiscono alcuni aspetti preoccupanti, associati a un rallentamento della crescita delle entrate. Se nel 2014 la crescita era del 15% e nel 2015 del 18%, lo scorso anno si è assistiti a un calo, con un 14%; e si prevede che il 2017 termini con il 12%.

L'industria di software ha già prodotto oltre il 2% del Prodotto Interno Lordo (PIL) e, continuando di questo passo, dovrebbe generare il 3% del PIL del paese entro il 2020. 

Secondo i dati vi sono circa 25.000 dipendenti impiegati nel settore, ma la carenza di lavoratori qualificati e specializzati (di alto livello) rimangono uno dei principali problemi del campo dell’informatica in Bulgaria. Secondo BASSCOM, lo stipendio mensile netto medio era di 2.632 BGN nel 2016. Quest’anno è arrivato a 2.885 BGN, con una crescita del 9%. Nel campo informatico, il salario medio è di circa 3,8 volte superiore alla media nazionale, ed in continuo aumento.

Dalle analisi scaturisce anche un interessante dato se confrontato con le retribuzioni del Regno Unito. Il costo di vita medio nel paese balcano è nettamente inferiore, e questo significa che il potere d’acquisto dei programmatori bulgari, rispetto a un programmatore inglese, è superiore, nonostante il salario sia più basso. "Questo spiega perché negli ultimi anni molti informatici bulgari stiano facendo ritorno nel paese nativo", ha evidenziato Georgi Zahariev, membro del consiglio di amministrazione di BASSCOM.

Nel 2016 le imposte pagate dalle aziende produttrici di software sono state complessivamente di 316 milioni di BGN, rispetto ai 278 milioni del 2015. Ciò rappresenta un aumento di 38 milioni di BGN, ovvero del 14%. Di questi, le spese più importanti sono state l'IVA, per 101 milioni di BGN, l'imposta sul profitto, per 20 milioni di BGN e l'assicurazione sociale e sanitaria, con 107 milioni di BGN.

Le previsioni commerciali non sono mai state così positive. Tra tutti i membri di BASSCOM, il 90% prevede una crescita dei ricavi del 10% nel 2018. 

"Con lo sviluppo tecnologico, molti settori ora ruotano intorno al mondo dell’informatica, basti pensare alle banche, all’industria automobilistica, al commercio, se non addirittura all’industria militare, rendendo la produzione di software sempre più sofisticata, potente e importante", ha concluso Philip Mutafis, membro dell’associazione.