All for Joomla All for Webmasters

BATTAGLIA PER IL SALARIO MINIMO IN BULGARIA

A dieci anni dall’adesione all’Unione Europea, la Bulgaria resta ancora il Paese piú povero dei 28 presenti. La sua economia funziona a due velocità, da una parte vi sono milioni di poveri lavoratori a basso livello qualificato, mentre dall’altra vi sono una manciata di dipendenti ben pagati che lavorano nelle aree in forte espansione del Paese, come il settore delle automobili e l’informatica

Il 17 maggio 2017 il giudice amministrativo ha abrogato un decreto legge riguardante lo stipendio minimo di 460 BGN (235 EUR; il più basso nell'Unione europea). Ciò è accaduto dopo che quattro organizzazioni rappresentative nazionali hanno presentato un procedimento legale, sostenendo che la retribuzione minima nazionale dovesse essere abolita. Il motivo, secondo quanto scritto, è che il salario minimo deve essere determinato in base al mercato, e non in modo amministrativo. Ovviamente la vicenda non è stata esente da critiche e controversie.

Secondo le ultime statistiche, in media, la classe operaia spende circa il 75% del suo reddito disponibile in trasporti (carburante e mezzi) e l'acquisto di beni e servizi di base per la sopravvivenza. Le retribuzioni minime, inoltre, non sono esenti da tasse, poiché la legge del “minimo non tassabile” è stato abolita con l'introduzione dell'imposta forfettaria nel 2007.

Secondo diversi studi, l'aumento dello stipendio minimo comporterebbe una modesta riduzione della povertà, aiutando a rafforzare le casse dello Stato, senza mettere troppo peso sulle spalle dei datori di lavoro.

Questi ultimi, tuttavia, non sono d'accordo. Come ha affermato il presidente dell'Associazione Industriale Bulgara, Bozhidar Danev, l'aumento dello stipendio minimo eliminerebbe gli aspetti morali della società. “In primis disturba le gerarchie naturali. Uno spazzino arriverà a guadagnare quasi quanto un insegnante! Inoltre le persone diventeranno più pigre e meno disposte a impegnarsi. Infine molte aziende saranno costrette a pagare salari ancora più alti e contributi maggiori”, dichiara Bozhidar. 

AIB ANNUNCI

Il primo portale di annunci in Bulgaria completamente in Italiano

AGENZIA ITALIA BULGARIA

Servizi Societari

Servizi Personali

Servizi Web

Servizi Pensionistici

Cookies