All for Joomla All for Webmasters

Centro Kizuna a Sofia

La Vice Presidente della Bulgaria Iliana Iotova e il direttore esecutivo dell'associazione Giappone-Bulgaria per l'amicizia e le relazioni culturali, Akiko Igaya, hanno avuto una riunione di lavoro il 10 maggio per discutere la cooperazione economica e culturale dei due paesi, con particolare attenzione al progetto di istituire un Centro Kizuna a Sofia

La Iotova ha detto che la Bulgaria e il Giappone hanno molto potenziale per sviluppare le loro relazioni economiche, sia in termini di legami tra i due Paesi, che nel contesto delle relazioni del Giappone con l'UE. Igaya ha osservato che la Bulgaria è una porta per le piccole e medie imprese del Giappone verso l'Europa. 

Discutendo il futuro centro Kizuna di Sofia, la vice presidente, ha lodato l'iniziativa di avere un unico centro sia per lo scambio culturale e commerciale. Ha detto: "Nel nostro mondo inquieto e pericoloso, dobbiamo insegnare ai nostri figli a rispettare le diverse culture e questo sarà uno dei maggiori contributi del Kizuna

Igaya detto che il centro dovrebbe essere costruito entro il 2019, quando saranno celebrati tre importanti anniversari: 110 anni dai primi contatti tra la famiglia reale bulgara e la famiglia imperiale giapponese, 80 anni di relazioni diplomatiche bilaterali, e 60 anni da quando le relazioni diplomatiche bilaterali erano restaurate dopo la seconda guerra mondiale. Igaya ha comunicato che Sofia City Hall ha già preso una decisione sul progetto e un sito è già stato scelto per il futuro centro.

Secondo Iotova, il programma per la creazione del centro è ambizioso ma realistico e  la necessità di una campagna strutturata per diffondere Kizuna nelle scuole bulgare. Ha detto che il futuro centro sarà l'occasione per gli studenti delle scuole di studiare la lingua e la cultura giapponese. 

Al Vice Presidente della bulgaria è stato chiesto di dirigere un comitato direttivo, che può comprendere un rappresentante di ogni agenzia governativa bulgara che ha ricevuto sovvenzioni dal governo giapponese.

Cookies